"Esta web utiliza cookies para facilitar la navegación por ella y para realizar análisis de su uso, incluida la elaboración de perfiles de navegación con fines publicitarios. Si continua navegando, consideramos que acepta su instalación. Para obtener información detallada sobre las cookies que utilizamos, incluyendo cómo configurar su navegador para rechazarlas, pulse aquí."

restauración

ficha técnica

EST. LIT. OCCIDENTAL: AUTORES / OBRAS
IL CRITICO GIORNALIERO
IL CRITICO GIORNALIERO. SCRITTI MILITANTI DI LETTERATURA 1948-1993
2001
548
RÚSTICA
978-88-339-1342-1
ITALIANO
añadir a favoritos

sinopsis

Se "il compito dei critici è di sbagliare... per dar luogo ad un'approssimazione migliore", Pampaloni è fuor di dubbio uno dei pochissimi a disattendere felicemente la massima da lui stesso enunciata. Dopo la sua cinquantennale militanza di recensore, ciò che è ancora possibile dire sulla nostra letteratura del secondo Novecento non corregge quelle letture, ma ne sancisce la giustezza e l'imprescindibilità. Lo conferma la prima, vasta raccolta dei suoi scritti, che salva dalla dispersione un patrimonio critico tra i più cospicui, restituendo al lettore, insieme con la presa diretta sui classici venturi, allora freschi di stampa, anche i bagliori di un ingegno vivo, speso in libertà da appartenenze accademiche e partigianerie. Lo stile di Pampaloni, riconoscibile fin dagli esordi per nitore di giudizio, antispecialismo, fluenza di dizione, ha contribuito - come già il prediletto Pancrazi - a fare della recensione "un genere letterario", ed è accostabile forse al solo Montale critico, altrettanto privo di "burbanze stroncatorie... di indulgenze e complicità". Una misura oggi inusitata, che appare singolarmente flessibile; sfuma dalla critica di gusto al ritratto d'autore, sa distendersi in memorabili analisi testuali ("Conversazione in Sicilia", "Metello", "Il Gattopardo", "La capanna indiana", "Memoriale"...) e guizzare in formule impreviste, saettanti: Vittorini "transitivo", il giovane Moravia "giansenista" e "virtuista", Silone dalla "lieve femminilità", Soldati "moralista in musica", Gadda intermittente nel proprio "voltaggio espressivo", Fortini "crepuscolare", Pasolini "poeta dell'ideologia", Cassola "il più sperimentale di tutti".


*Todos nuestros productos incluyen el IVA, ampliar información


comentarios de los usuarios/usuarias