"Esta web utiliza cookies para facilitar la navegación por ella y para realizar análisis de su uso, incluida la elaboración de perfiles de navegación con fines publicitarios. Si continua navegando, consideramos que acepta su instalación. Para obtener información detallada sobre las cookies que utilizamos, incluyendo cómo configurar su navegador para rechazarlas, pulse aquí."

restauración

ficha técnica

FILOSOFIA ANTIGUA
L'INFINITO, UN EQUIVOCO MILLENARIO
L'INFINITO, UN EQUIVOCO MILLENARIO. ANTICHE CIVILTA DEL VICINO ORIENTE E LE ORIGINI PENSIERO GRECO
2001
304
RÚSTICA
978-88-424-9668-7
ITALIANO
añadir a favoritos

sinopsis

Scavando nell'etimologia del greco, del latino e del sanscrito, Giovanni Semerano ha rintracciato, in quarant'anni di studi che trovano la sintesi in questo libro, la madre di tutte le lingue: l'accadico-sumero. Questo volume mette in discussione le teorie legate all'indo-europeo come origine delle lingue mediterranee ed europee. In modo suggestivo ci viene data la possibilità di comprendere il senso nascosto delle nostre parole, mandando in frantumi molti pregiudizi e incomprensioni. Un esempio: "L'uomo nasce dall'infinito e torna all'infinito", così è sempre stata tradotta una delle riflessioni più famose del filosofo Anassimandro. Semerano invece traduce àpeiron con il semitico "apar" e con l'accadico "eperu": parole che, in mezza Mesopotamia, e più tardi nell'ebraico ("aphar"), stavano a significare "polvere, fango". Ovvero: "L'uomo è polvere e polvere tornerà..."


*Todos nuestros productos incluyen el IVA, ampliar información


comentarios de los usuarios/usuarias