alt text
Afegir a favorits

M. L'UOMO DELLA PROVVIDENZA

SCURATI, ANTONIO

IVA inclòs

Compra'l ara i te l'enviem quan el tinguem en estoc. El cobrament al teu compte es realitzarà només quan s'enviï el producte.

Estat: Disponible para a compra en línia 10-15 dies

DetallsBOMPIANI
2020
400 pàgines
Format: Rústica
ISBN: 9788830102651
Idioma: ITALIANOMatèria: Narrativa en Italià
DescripcióProseguendo il suo lavoro di ricostruzione storica e civile, Antonio Scurati ci narra con martellante lucidità gli anni in cui regim e si consolida e pone le basi per la propria corruzione/ ma al tempo stesso mette in scena con plastica intensità uomini e donne che in quell'Italia hanno riposto ogni loro speranza, e con le loro ambizioni e le gesta hanno fatto la Storia da cui veniamo.Dalle leg gi fascistissime del 1926, che sanciscono il definitivo smantellamento dello Stato liberale, fino alla grande Mostra con cui nel 193 2 il fascismo celebra se stesso nel decennale della Marcia su Roma: in questo nuovo pannello della sua opera Antonio Scurati narra g li anni in cui il regime si consolida e ambisce a permeare ogni aspetto della vita sociale e spirituale italiana. Sono anni straordi nari, nei quali Mussolini è costantemente a rischio per la grave ulcera che lo affligge e per i quattro attentati cui scampa per u n soffio eppure trionfa su tutti gli avversari, impone la nuova scansione del tempo dell'era fascista e viene definito da Pio XI l 'uomo che la Provvidenza ci ha fatto incontrare. M. avvia grandi opere pubbliche, impone una tassa sul celibato per accrescere la po tenza demografica italiana, si destreggia tra moglie e concubine, vede agitarsi intrighi e congiure. Il Parlamento ascolta sbadiglia ndo l'ultimo discorso in cui il decrepito Giovanni Giolitti si appella ai valori dello Statuto Albertino, in un'aula ormai gremita s olo di camicie nere/ il Re si lascia scortare dalla Milizia Nazionale esercito privato di Mussolini/ una capillare rete di delator i informa la Polizia segreta sulle trame dei dissidenti in Italia e all'estero/ i sindaci diventano podestà e Gentile dà alle stampe il Manifesto degli intellettuali fascisti, mentre D'Annunzio a Gardone è ormai un bambino viziato che costa troppo. E intanto l'ese rcito italiano si macchia di orrendi crimini di guerra per conquistare i deserti dell'entroterra libico.

TEMES